Laos

DESCRIZIONE

Il Laos è uno dei paesi più selvaggi dell’Indocina, ancora incontaminato sia da un punto di vita naturalistico che da un punto di vista culturale. Questo isolamento ha permesso ai laotiani di mantenere intatti usi e costumi, consentendo a chi viaggia in Laos di rendere ancora più profondo e marcato l’impatto con la cultura locale.
Il Laos rappresenta uno dei paesi al mondo più ricchi di tribù e gruppi etnici, ed è la meta ideale per chi ama uscire dai percorsi turistici soliti anche a discapito delle comodità. Le sistemazioni alberghiere infatti richiedono un buon spirito di adattamento e gli spostamenti spesso sono lenti e difficoltosi.
Per chi volesse vivere un’esperienza veramente unica, è possibile prevedere il pernottamento di una notte presso una famiglia laotiana, in un tipico villaggio, in modo da potersi calare totalmente nell’atmosfera che lascia un ricordo indelebile in chi visita questo straordinario paese. Il ritmo lento e pacato della sua popolazione si avverte nella natura che costeggia il fiume Mekong, lungo il sentiero che porta fino a Ho Chi Min, o ancora nella singolare Piana delle Giare, ma anche nelle aree urbane che conservano ancora la tranquillità di un tempo, come Luang Prabang, che ancora mostra pochi segni di moderni, o nella capitale, Vientiane.

DOCUMENTI: passaporto necessario con validità minima di 6 mesi. Il visto si ottiene direttamente in aeroporto se si arriva nel paese attraverso gli aeroporti di Vientiane e Luang Prabang. Esso costa 35 USD e bisogna, inoltre, portare con sé 2 fototessere. Se si entra nel paese via terra dalla Cambogia, dal Vietnam e dalla Thailandia bisogna richiedere il visto precedentemente. (Per sapere in quali Check Point e’ possibile ottenere il VISA ON ARRIVAL – prego fare riferimento al nostro RECEIVE VISA AT ARRIVAL).

VIAGGI ALL’ESTERO DI MINORI: dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, dovranno essere in possesso di passaporto individuale oppure, qualora gli Stati attraversati ne riconoscano la validità, di carta d’identità valida per l’espatrio.

INFORMAZIONI SANITARIE: nessuna vaccinazione obbligatoria è richiesta attualmente. Si consiglia comunque di informarsi dal proprio medico di fiducia per una eventuale profilassi antimalarica. E’ consigliabile attenersi alle normali precauzioni per quanto riguarda le bevande e il cibo. Si consiglia di portare i medicinali contro la dissenteria e le infezioni intestinali

FUSO ORARIO: + 5 ore quando in Italia vige l’ora legale. + 6 ore per quella solare.

LINGUA: lao e francese.

VALUTA: l’unità monetaria ufficiale è il KIP. Le carte di credito sono accettate solo nei grandi alberghi.

TELEFONO: per raggiungere telefonicamente il Laos occorre comporre lo 00856 seguito dall’indicativo interurbano e dal numero dell’abbonato richiesto. Per telefonare in Italia dal Laos occorre rivolgersi all’International Telephone Office di Vientiane che rimane aperto 24 ore al giorno. Dalle altre città è molto difficile fare telefonate internazionali.

ELETTRICITÁ: la corrente elettrica è a 220 /240 Volt. Si consiglia di portare un adattatore per le prese di tipo americano

BAGAGLIO: le compagnie aeree non applicano tutte la stessa franchigia bagaglio da stiva, pertanto consigliamo di controllare su ciascun biglietto qual è il peso massimo consentito, ed adeguarsi a quello inferiore. E' importante che sul bagaglio venga messa un'etichetta con nome, cognome e indirizzo del proprietario in modo che sia di facile identificazione. Bagaglio, passaporti e denaro vanno custoditi con la massima attenzione, soprattutto negli aeroporti, negli alberghi e durante visite ed escursioni in luoghi particolarmente affollati.

CLIMA: stagione secca e fresca da Ottobre ad Marzo, ad eccezione del nord dove la temperatura può scendere a sino a 5°- 6° NEI MESI DI Gennaio e Febbraio. Stagione calda da Marzo a Giugno, stagione dei monsoni da Giugno ad Ottobre.

CUCINA: nei principali alberghi si serve la cucina internazionale, ma anche pesce insaporito con salse speziate. Si raccomanda di bere solo acqua imbottigliata senza ghiaccio.

DON KHONG
È una delle più grandi isole situate all’interno del fiume Mekong e si compone di due villaggi, Muang Saen e Muan Khong, su entrambe le sponde dell’isola e vive di pesca e dalla vendita delle noci di cocco. Durante la colonizzazione francese, fu un importante centro di collegamento per il transito di merci tra il Laos ed il Vietnam. E qui si trovano ancora i resti dell’unico tratto di ferrovia costruita in Laos, sfruttata per sorpassare le rapide e le cascate che inibiscono la navigazione.

HUAY XAI
È il capoluogo della provincia di Bokeo e si trova nel Laos settentrionale, al confine con la Thailandia e nel cuore del Triangolo D’Oro. La città sorge sulle rive del Mekong ed è un ottimo punto per attraversare la frontiera, in soli 15 minuti di barca. Le barche che fanno la traversata sono delle grandi canoe di legno, caricate di merci di ogni genere. Tra le attrattive vi è anche un forte francese in rovina, situato sulla collina che sovrasta la città.

LUANG PRABANG
Dal 1995 dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Luang Prabang è una delle destinazioni più affascinanti del Laos e in generale del sud-est asiatico; tra wat oro e rosso, tra processioni dei monaci con le tipiche tuniche arancioni, tra gli edifici in stile coloniale e i profumi tipicamente orientali, la città è pervasa da un’atmosfera rilassata e quasi immutabile, dove la vita scorre lentamente con le sue tradizioni millenarie. Luang Prabang offre diverse attrazioni, a cominciare dal Museo del Palazzo Reale, edificato nei primi anni del ‘900 ad opera del re Sisavang Vong: qui è possibile visitare le stanze reali, come quella delle udienze e del trono, oltre che ammirare le collezioni di pezzi antichi che espone. Da non dimenticare i numerosi wat, ossia monasteri finemente intagliati e decorati: fra questi spicca il più famoso, quello di Xieng Thong, che possiede un meraviglioso mosaico raffigurante l’albero della vita e diversi stupa.

PAK OU
Situata alla fine del fiume Ou, è celebre per le sue grotte. All’interno vi si trovano centinaia di sculture di legno raffiguranti il Buddha in miniatura.

PAKBENG
È un piccolo villaggio dell’alto Laos e si trova sulle rive del fiume Mekong. Importante a livello turistico in quanto la mattina presto si tiene un animato e variopinto mercato, frequentato dalle etnie dei dintorni che scendono dalle montagne per vendere i loro prodotti.

PAKSE
È il capoluogo della provincia di Champasak e si trova nel Laos Meridionale. È caratterizzata da numerosi villaggi delle minoranze etniche mon-khmer poste sull’altipiano del Bolaven, una regione ricca di piantagioni di tè e caffè. Il territorio è occupato principalmente dalla pianura del Mekong e la sua principale attrattiva è il gran numero di templi Khmer che sono stati costruiti in questa zona e nelle zone limitrofe.

VIENTIANE
È la capitale del Laos e si trova al centro di una vasta pianura coltivata a riso, in mezzo a fertili pianure alluvionali, sulla riva sinistra del fiume Mekong. La città è espressione delle numerose culture presenti nel luogo, lao, thailandese, cinese, vietnamita e francese, che si fondono a formare il centro più grande del Laos.Il monumento più importante per i laotiani è il “Pha That Luang”, simbolo della religione buddista e della sovranità della nazione. In città vi sono altri monumenti importanti, tra cui il monastero di Vat Si Saket, il Tempio più antico di Vientiane, con le mura ricche di nicchie che contengono al loro interno più di 2000 immaginette di Buddha e il tempio Vat Pha Kaew, il museo che all’epoca ospitava il tempio reale. Merita una visita il mercato del mattino, una disordinata distesa di bancarelle che restano aperte ogni mattina dalle 6.00 alle 18.00.

Un viaggio, un’esperienza
Da non perdere